• An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow

Aronia

Aronia
zoom Zoom immagine
Aronia , originaria delle Regioni orientali dell’America settentrionale ma diffusissimo in Russia e nei Paesi dell’Est europeo, l’Aronia Nera è un fitto cespuglio a portamento colonnare che può raggiungere l’altezza di due metri, impiegato, oltre per le sue proprietà, anche a scopo ornamentale. Le foglie sono caduche e leggermente lanceolate di un bel colore verde brillante che, con l’avvicinarsi dell’autunno, assumono una vivace, e molto appariscente, colorazione rosso-arancio. Considerando anche le regioni dove è maggiormente diffusa, non soffre per nulla i rigidi inverni come non soffre le caldi estati. Le posizioni assolate, oltre che favorire la formazione dei fiori e la seguente fruttificazione, favoriscono anche la colorazione sia quella estiva e, ancora di più, quella autunnale.
FIORI E In primavera inoltrata, dopo la comparsa delle foglie, sbocciano all’apice sia dei rami principali, sia da quelli secondari, piccoli fiori riuniti da un lungo peduncolo in un particolare grappolo che appare molto rado. Sono fiori piuttosto piccoli, autoimpollinanti, con cinque petali bianchi disposti su un piano ben separati tra loro, con al centro diversi stami terminanti con vistose antere rosa carico tanto da far apparire il fiore quasi rosa. L’abbondante fioritura anche sui rami secondari, consente di avere fiori pure all’interno della pianta e questi, mescolati al colore brillante delle foglie, le conferiscono un pregevole effetto estetico. Nel corso dell’estate, compaiono, su ogni singolo fiore, numerose bacche nere ricoperte di pruina della grandezza di un mirtillo gigante americano, al cui interno si trovano diversi piccoli semi non fastidiosi, che giungono a maturazione in autunno e, con favorevoli condizioni atmosferiche, possono restare sulla pianta anche dopo la caduta delle foglie conferendo al cespuglio spoglio un pregevole effetto estetico.
UTILIZZO E CONTENUTI Poco conosciuto in Italia, è invece molto usato nei Paesi dell’est Europa sia mangiato fresco sia in succo, per guarnire gelati torte e creare dissetanti bevande. Il movimento migratorio da quelle Nazioni verso l’Italia sta favorendo la diffusione di questa bacca anche nel nostro Paese. Come il più comune mirtillo Gigante Americano, cui somiglia vagamente anche nel gusto, l’Aronia Nera ha notevoli proprietà: c’è l’onnipresente vitamina C e la vitamina K che è indirettamente utile a formare e mantenere robuste le nostre ossa nonché alla coagulazione del sangue, inoltre sono presenti numerosi sali minerali. Sono, però, le proprietà antiossidanti quelle riconosciute più attive nelle bacche dell’Aronia Melanocarpa: antociani ) e polifenoli, flavonoidi in particolare, contribuiscono in modo marcato al contenimento della formazione dei radicali liberi che sono responsabili dell’invecchiamento cellulare.
POTATURE E COLTURALI L’Aronia nera è un cespuglio con molti rami che partono dal basso che lo rendono troppo “pieno” e “confuso” sino a diventare disarmonico, specie se inserito in un giardino. Di conseguenza, a stagione morta, converrà diradare il cespuglio eliminando prima i rami più vecchi e mal fatti e, se troppo alti, si potranno accorciare tagliandoli appena sopra ad un rametto laterale per evitare vigorose, e brutte, ricacciate. E’ una pianta che gradisce terreni umidi e, di conseguenza, mal sopporta la siccità: si dovrà fare attenzione alle innaffiature anche in periodi non particolarmente siccitosi senza, ovviamente, esagerare. Le irrigazioni sono influenzate da tantissimi fattori, quali sole, caldo, umidità, vento, esposizione, ecc., quindi dire ogni quanto e per quanto innaffiare una pianta e certi di essere nel giusto è in pratica impossibile; un po’ di buon senso e di pollice verde sono, in questi, ed anche in altri innumerevoli casi, indispensabili. Al momento dell’impianto e, solo nel caso di terreni molto poveri, sono opportune delle concimazioni, anche con del concime organico ben maturo, altrimenti l’Aronia Nera in terreni normali difficilmente ne necessita. Qualora nel corso della stagione vegetativa la pianta manifestasse una minore vigoria, alla fine dell’inverno successivo converrà intervenire con una concimazione. Raramente subisce attacchi fungini.aronia nera ottimo per marmellata piccoli frutti sono da sempre fonte di delizia gustativa: mirtilli, lamponi, uva spina... Ci sono poi i piccoli frutti "dimenticati", cioè quelli spontanei, raccolti ed apprezzati una volta, oggi abbandonati: corbezzoli, corniole, giuggiole. E ci sono i piccoli frutti sconosciuti, come ARONIA MELANOCARPA.
E' una pianta largamente coltivata ...
e usata nell'Europa Orientale, ma quasi del tutto sconosciuta all'Occidente. Ex Oriente lux! - come sempre. Dunque, in realtà, A. melanocarpa è originaria del Nord America, di preciso - della costa atlantica, ed è diffusa, dal Canada alla Florida. Alcune fonti informano che le proprietà terapeutiche di arionia melanocarpa erano conosciuti ai pellerossa: i delavari e i dakota curavano le malattie cutanee e le ustioni con il succo di Aronia. L'A. melanocarpa viene studiata dagli scenziati sovietici negli anni Trenta. Il celebre agronomo e genetista Ivan Miciurin (Micurin/Michurin) riesce ad ottenere l'Aronia "buona da mangiare" e con le caratteristiche che consentono la coltivazione. Nel corso dei suoi sperimenti, però, Miciurin, ottiene una pianta con un diverso pool genetico, vuol dire che, tecnicamente, quella pianta che si coltiva all'Est attualmente, non è più l'aronia melanocarpa. Le varietà coltivate in Russia sono alte 2-4 metri e sopportano benissimo i freddi.
L'Aronia ama il sole, e anche se sopporta la penombra, messa così dà meno frutti. I frutti di A. melanocarpa contengono circa 10% di zuccheri, sono ricchi di vitamina P, PP, C, E, carotene, e le vitamine del gruppo B; abbondano anche gli elementi come iodio, ferro, magnesio. Le proprietà terapeutiche dei frutti riguardano la cura della pressione alta, la regolazione del lavoro del fegato, la resistenza delle pareti dei vasi sanguigni. Visto che il frutto contiene molti acidi organici, il suo consumo è sconsigliato alle persone aflitte dalle malattie ulcerose del tratto digerente. Nell'ex-URSS i prodotti derivati dai frutti di A. melanocarpa vengono prescritti per curare le manifestazioni di diabete, le patologie legate all'arteriosclerosi, allergie e altro ancora. La produzione delle marmellate, sciroppi, tisane di aronia è molto diffusa nell'Europa Orientale. Già negli anni '60 il Ministero della Salute dell'Urss autorizzava e consigliava la coltivazione e la trasformazino dell'aronia al fine di introdurla tra i farmaci "naturali". Il sapore dell'Aronia è molto gradevole. Le bacce si raccolgono a settembre-ottobre. Molte sono le ricette ghiotte: la composta di frutti di aronia e delle susine/ciliege; la crostata con i frutti di Aronia; la composta di Aronia e rum...


Prezzo: 10.00 EUR
più spedizione
Quantita: 
Copyright MAXXmarketing Webdesigner GmbH

Ultimi arrivi

Promozioni

Il tuo Carrello

0 Products - 0.00 EUR
Go to cart